ALCUNE QUESTIONI RICORRENTI NELLE RICHIESTE DI INFORMAZIONI SULL’ATTIVITÀ DELLA SCUOLA.

Quale titolo di studio rilascia la Scuola?
Il termine “scuola” è da noi utilizzato nel senso di “esperienza o insegnamento rilevante ai fini della formazione personale”, senza alcun riconoscimento statale o implicazione di alcuno status particolare per il direttore del corso o lo studio grafico RAM, società organizzatrice del corso.
In particolare, RAM non è una scuola statale né una scuola paritaria privata, non è equiparato ad alcun istituto scolastico, universitario o ente di formazione, di qualsiasi ordine o grado.
RAM non rilascia pertanto alcun titolo avente valore legale.
Al termine del corso verrà consegnato ai partecipanti un attestato da cui risulteranno chiaramente gli insegnamenti seguiti.

Come vengono selezionati gli iscritti?
Agli interessati all’iscrizione viene richiesto di produrre un CV o sintetica descrizione di titoli ed esperienze pertinenti agli argomenti del corso e alla propria preparazione linguistica, prima di un colloquio individuale col direttore del corso.
In seguito al colloquio, verrà valutata complessivamente l’idoneità del richiedente a seguire il corso e quindi la sua ammissione.

In caso di un numero di domande superiore ai posti disponibili, con quale criterio si selezionano gli iscritti?
I 10 posti disponibili vengono assegnati secondo l’ordine di presentazione delle domande, a esaurimento.
L’iscrizione si ritiene perfezionata col pagamento della prima rata (v. la pagina “Iscrizione“).
Chi facesse richiesta una volta esauriti i posti, verrà contattato – secondo l’ordine di arrivo delle richieste – nel caso che uno o più posti si liberino prima dell’inizio del corso, per qualsiasi motivo (esercizio della facoltà di recesso, impedimenti personali, etc.).

Ci si occuperà solo di traduzioni dall’Inglese?
L’Inglese è una lingua di scambio, di cui occorre una conoscenza più che di base e preferibilmente una qualche esperienza d’uso (parlato, scritto o di traduzione): per quanto riguarda la parte del corso dedicata alla traduzione letteraria in senso stretto del fumetto, è la lingua di riferimento.
In tutti gli altri moduli, si farà ampio riferimento ad altre aree linguistiche e gli elementi del caso verranno richiamati o dati sul momento (specialmente nel caso del giapponese).
Nulla vieta – ed è anzi probabile – che future edizioni della Scuola comprendano giornate dedicate ad autori e traduttori da altre lin gue, per esempio dal francese.
A parziale correzione di quanto indicato nel programma dell’ultima giornata, è anche possibile che sia dal Francese il titolo oggetto di traduzione e che verrà scelto durante l’anno.

Alla fine del corso, lo stage formativo verrà offerto a tutti i partecipanti?
Il numero dei posti offerti dalle case editrici potrebbe essere inferiore al numero degli iscritti, a cui non viene quindi garantito il periodo di stage.
Questo potrà cambiare durante in seguito a contatti attualmente in corso.